GIURISPRUDENZA
Prima casa
Sentenza n. Ordinanza n. 14793/2018 del
Cassazione Sez VI Civile - Per il riconoscimento del requisito può non bastare avervi la residenza

Avere la residenza anagrafica nel Comune dove si possiede una abitazione può non bastare per il riconoscimento del requisito di abitazione principale. L'accertamento di tale requisito può discendere anche dalla esistenza di elementi desumibili da qualsiasi fonte in grado di provare, in linea di presunzione, se l’immobile sia effettivamente il luogo di dimora abituale, a prescindere dalla residenza anagrafica.

E’ quanto ha deciso la Corte di Cassazione, Sez. VI Civile, con l’Ordinanza n. 14793/2018, esaminando il ricorso proposto dal contribuente avverso la decisione della CTR TOSCANA di rigetto dell’appello che aveva negato il requisito della prima casa ai fini ICI all’immobile sito nel Comune di RIO NELL’ELBA (LI) in considerazione della esiguità dei  consumi di energia elettrica risultante dalle  fatture  riguardanti il triennio in contestazione, malgrado il contribuente avesse la residenza anagrafica nello stesso Comune.

La Suprema Corte ha ribadito il principio affermato in precedenti sentenze (tra le quali la n. 12299/2017 e la n. 13062/2017) secondo cui ai fini dell’agevolazione prima casa le risultanze anagrafiche rivestono valore presuntivo circa il luogo di residenza effettiva e possono essere superate da prova contraria, desumibile da qualsiasi fonte di convincimento e suscettibile di apprezzamento riservato alla valutazione del giudice di merito.
Per tale motivo, il ricorso del contribuente è stato respinto.




Scritto il 25/07/2018 da Admin Master

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web per supportare funzionalità tecniche che migliorano la tua esperienza come utente.

Non facciamo uso di servizi di analisi e pubblicità. Per ulteriori informazioni fare clic su "Maggiori informazioni".